Azione 1 – Gioventù per l’Europa

L’Azione 1 del programma Gioventù in Azione comprende tre misure:

  1. gli scambi di giovani o scambi europei, cioè incontri di 7-10 giorni circa in cui gruppi di giovani di diversi paesi si incontrano e imparano a conoscere culture diverse, svolgendo attività progettate insieme per confrontarsi su un tema di interesse comune;
  2. le iniziative giovani, progetti di gruppo ideati e realizzati da giovani a livello locale, regionale o nazionale in rete o in collaborazione con altri gruppi di giovani di altri paesi;
  3. i progetti giovani e democrazia, attività che sostengono la partecipazione dei giovani alla vita democratica della propria comunità;
Per partecipare ad uno scambio europeo è sufficiente cercare tra le opportunità presenti nella sezione Scambi disponibili oppure si può dare un’occhiata alla sezione Organizza uno scambio per ospitarne uno nella propria città.

Uno scambio europeo ha un numero di partecipanti compreso tra un minimo di 16 e un massimo di 60 provenienti da almeno due nazioni diverse ed equilibrati sia per sesso sia per provenienza (in modo che ciascun gruppo nazionale sia più o meno delle stesse dimensioni). L’età dei partecipanti deve essere compresa tra 13 e 25 anni, anche se c’è un’eccezione: sono ammessi partecipanti di età compresa tra i 26 e i 30 anni fino a un massimo del 20% del totale dei partecipanti allo scambio. Lo scambio può durare tra i 6 e i 21 giorni, viaggi esclusi, anche se la maggior parte degli scambi si aggira intorno ai 10 giorni.

Le iniziative giovani, invece, sono progetti ideati, messi a punto e e realizzati da giovani: non importa quale sia il tema, l’importante è che venga affrontato in un’ottica europea, confrontando la propria situazione con quella di altri paesi o avviando un dialogo tra giovani di diverse nazionalità. Può trattarsi di un progetto transnazionale che coinvolge gruppi di giovani di diversi paesi oppure di un progetto locale che coinvolge un solo gruppo di giovani, purchè abbia comunque una dimensione europea.

I progetti giovani e democrazia, infine, hanno l’obiettivo di incoraggiare la partecipazione alla vita democratica a livello locale, nazionale o europeo da parte dei giovani e di far loro comprendere il funzionamento dei processi democratici. Questo tipo di progetti deve coinvolgere almeno due paesi diversi e può avere per oggetto lo scambio di esperienze, l’organizzazione di eventi, seminari o conferenze, incontri con rappresentanti politici, dibattiti, simulazione del funzionamento di organi democratici o condivisione e ricerca di buone prassi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *