Grazie alla dimensione interculturale e al suo approccio non formale, il Servizio Volontario Europeo (SVE) è un’opportunità unica per entrare in contatto con culture diverse dalla propria e per acquisire nuove competenze e capacità utili alla propria crescita personale e professionale.

Il Servizio Volontario Europeo si basa sui seguenti principi:
  • accrescere le proprie competenze attraverso un’esperienza pratica di volontariato all’estero;
  • favorire l’apprendimento di un’altra lingua;
  • sviluppare le capacità di relazione con persone di lingua e cultura diversa;
  • diffondere la tolleranza tra i giovani dell’Unione Europea;
  • promuovere la cittadinanza attiva;
  • sostenere lo sviluppo delle comunità locali.
Il Servizio Volontario Europeo propone progetti in diversi settori: cultura, gioventù, sport, assistenza sociale, arte, tempo libero, media e comunicazione, protezione ed educazione ambientale, sviluppo rurale e cooperazione allo sviluppo.
servizio volontario europeoLo SVE è un programma di volontariato internazionale completamente gratuito.
La Commissione Europea infatti proibisce di chiedere quote di iscrizione o di partecipazione in qualunque forma ai volontari in partenza e tantomeno ai candidati per poter partecipare alle selezioni. Le spese di viaggio all’andata e al ritorno vengono rimborsate (è previsto un massimale a seconda della distanza) e vitto e alloggio sono coperti dal programma Erasmus+. Inoltre il volontario riceve un pocket money mensile per le piccole spese e ha diritto ad alcuni giorni di “ferie” oltre al riposo settimanale.

Lo SVE è aperto a tutti: non esistono infatti requisiti discriminatori per poter partecipare, nè titoli di studio nè di cittadinanza. Esistono soltanto dei limiti di età e può partecipare soltanto chi è legalmente residente nel paese di partenza. Scopri alcune testimonianze di ragazzi partiti per uno SVE durante questi anni: visita il nostro Blog